Crea sito

EuropaCalcio penalizzata dalla S.S.C. Napoli

 

Quando si ledono i diritti dei lavoratori

‘Casa Napoli’ è una trasmissione televisiva che va in onda il martedì alle ore 21:30 in diretta sul canale Sky, canale 903, sul digitale terrestre presso l’emittente Telenuova canale 85 e su TeleMilano canale 815 che trasmette in diretta per la Lombardia, oltre alle repliche che vanno in onda su Telefutura canale 172 del digitale terrestre durante tutta la settimana seguente ala trasmissione.

Durante la puntata del 13-03-2018 , tra i vari ospiti della trasmissione, era presente il sottoscritto Vincenzo Vitiello, Direttore Editoriale di EuropaCalcio.it, che ha rilasciato alcune dichiarazioni-esplicitate in questo articolo in modo più esaustivo e con i dovuti distinguo.

Domenica sera allo stadio Meazza di San Siro Milano, si è giocato un big match tra il Napoli e l’Inter.

Terminato l’incontro il sottoscritto si è recato presso la sala stampa dello stadio per assistere alle conferenze degli allenatori Spalletti e Sarri.

Una lunga attesa terminata dopo un’ora e tutti pronti per volgere ai due tecnici le domande che si ritenevano più opportune.

Pronti via:

CONFERENZE STAMPA POST GARA:

Spalletti – Inter : Porgo la domanda in un clima di educazione, rispetto e correttezza da parte del Mister e dell’addetto stampa.

Sarri  – Napoli : Porgo la domanda e subito interviene l’addetto stampa del Napoli Lombardo che -immediatamente-  interferisce asserendo di porre domande brevi perché la squadra deve ripartire per Napoli, ma sindacando anche sulla presunta valenza della mia domanda e ritenendo -dalle poche parole proferite- che non si dovrebbero porre considerazioni tecniche. Di fatto Lombardo mi impedisce  di rivolgere a Sarri la domanda completa che per brevità ho dovuto ridurre facendo perdere ad essa il vero significato di ciò che avrei voluto chiedere al tecnico. Vi è da aggiungere la frase finale proferita da Lombardo dopo la risposta dell’allenatore del Napoli:  ”E dopo questa lezione di tecnica procediamo’‘. Frase che non commento lasciando agli altri l’interpretazione che credono sia più confacente a tale – per me- inopportuna espressione.

Sarri mi risponde esaustivamente e corretamente. Al termine della risposta interviene ancora Lombardo che dice alla signorina -addetta all’organizzazione- che sarà lui a indicare coloro che devono porre domande, non tenendo conto di trovarsi nella sede di un grande Club fornito di tutte le regole del caso a cui credo bisogna attenersi.

E’ la seconda volta che questo spiacevole episodio accade con Lombardo. A Napoli l’a.s. in questione decide chi può presenziare alle conferenze e chi può rivolgere domande, ma in  ‘case’ appartenenti ad altri club dovrebbe sottostare all’organizzazione pianificata dalle società ospitanti.

Questo è un aspetto che –per il sottoscritto- lede il principio delle pari opportunità riguardanti l’operare nel mondo del lavoro con la stessa considerazione e dignità di altri colleghi.

Considerando che EuropaCalcio.it è una  Testata giornalistica aut. N’ 93 Tribunale di Milano del 26/03/2013, in possesso dell’ Autorizzazione Media FAME UEFA n” 50013289 e soprattutto iscritta al registro degli Operatori di Comunicazione al N. 24551, dovrebbe beneficiare del dovere – diritto di poter espletare ogni lavoro giornalistico ed essere tenuta in debita considerazione per le importanti credenziali sopra riportate;  mi sento obbligato nella veste di Direttore Editoriale di riferire che la S.S.C. Napoli molto raramente concede al giornale gli accrediti per i match che la squadra partenopea disputa al San Paolo e quando- invece benevolmente-  rilascia qualche accredito lo fa con una limitazione molto dura a livello di diritto al lavoro, ovvero non permette ad EuropaCalcio.it di accedere alla sala stampa e porre domande utili per la testata giornalistica.

Vorrei concludere che il termine ‘’discriminatorio’’ usato dal sottoscritto nella trasmissione Casa Napoli era riferito a questi ultimi particolari che non ho riportato per questioni di tempo. Colgo l’occasione per precisare che la discriminazione voleva avere –da parte mia-. la valenza di penalizzazione.

Vincenzo Vitiello per EuropaCalcio.it